Licenziamenti post Covid19: indagini in corso
Licenziamenti post Covid19: indagini in corso

I coni d’ombra dei decreti Covid19: i licenziamenti dopo la lunga degenza

📣 La vicenda descritta da molti quotidiani e su cui il Ministro Catalfo ha avviato un’indagine, rivela un cono d’ombra su cui la giurisdizione del lavoro dovrà pronunciarsi e che scrive un’altra pagina della storia della pandemia. Un lavoratore di un supermercato del lodigiano supermercato licenziato dopo 180 giorni di assenza a causa del Coronavirus nonostante l’INAIL ne avesse certificato un infortunio.

🔎 Ricordiamo che in caso di malattia che si protrae oltre 180 giorni, il datore di lavoro può rescindere il rapporto lavorativo

🧐 Il decreto “Cura Italia” prevede che i giorni di malattia Covid-19 siano esclusi dal conteggio assenze e solo grazie al certificato INAIL il lavoratore potrà essere reintegrato. La norma prevede che la quarantena sia equiparata alla malattia, ma non tiene conto che delle patologie che si sviluppano a seguito del Coronavirus.

👉 Nel frattempo che si faccia luce sulla vicenda e che si definiscano gli aspetti normativi che possano includere tutte le situazioni, invitiamo i nostri iscritti a segnalarci eventuali situazioni simili di disagio.

🖥 info@sportello-amico.it
📞 +39 0331 262045

Cerca anche

Una situazione difficile che rischia di esasperare i lavoratori di molti settori

Chi ha investito di più in prevenzione è nuovamente colpito dal DPCM: una riflessione

Le misure emanate nel DPCM del 24.10.2020 che impongono la chiusura della ristorazione alle 18.00 …

Scrivimi
Come posso aiutarti?
Buongiorno! 👋
Sono Luigi, segretario generale di Sportello Amico del Cittadino, come posso assisterti?