L. 104/92 E PERMESSI PER FIGLI CON HANDICAP GRAVE

Home/PATRONATO/L. 104/92 E PERMESSI PER FIGLI CON HANDICAP GRAVE

L. 104/92 E PERMESSI PER FIGLI CON HANDICAP GRAVE

L. 104/92 E PERMESSI PER FIGLI CON HANDICAP GRAVE Modalità di fruizione
L’INPS, con Messaggio n. 3114/2018, ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla modalità di fruizione dei permessi di cui all’articolo 33 della legge n. 104/92 e del congedo straordinario di cui all’articolo 42, comma 5, del D. Lgs n. 151/2001 (Riposi e permessi per i figli con handicap grave), relativamente ai casi di particolari modalità organizzative dell’orario di lavoro. In particolare l’Istituto ha chiarito che i permessi previsti dalla predetta legge sono compatibili con il lavoro a turni, ovvero il lavoro in cui l’orario operativo può coprire l’intero arco della giornata e la totalità dei giorni settimanali, comprendendo anche il lavoro notturno e le giornate festive, compresa la domenica. Tali permessi possono essere fruiti, infatti, anche in corrispondenza di un turno di lavoro di domenica o in caso di lavoro notturno. In tale ultimo caso, tuttavia, viene specificato che poiché il lavoro notturno si verifica a cavallo di due giorni solari, la prestazione lavorativa resta riferita a un unico turno di lavoro e il permesso fruito corrisponde a un solo giorno. Per quanto riguarda, invece, il part time, l’istituto ha ribadito che i lavoratori a tempo parziale hanno gli stessi diritti dei lavoratori a tempo pieno ed il trattamento economico e normativo deve essere proporzionato all’orario di lavoro ridotto. Infine, rispetto al cumulo tra congedo straordinario e i predetti permessi l’Inps ha chiarito che possono essere cumulati senza necessità di ripresa dell’attività lavorativa. La fruizione dei benefici dei tre giorni di permesso mensili, del prolungamento del congedo parentale e delle ore di riposo alternative al prolungamento del congedo parentale stesso deve, invece, intendersi alternativa e non cumulativa nell’arco del mese. Nel messaggio Inps vengono forniti degli esempi pratici per chiarire meglio tutti gli aspetti sopra citati e, pertanto, si rinvia ad un’attenta lettura del messaggio Inps inviato in allegato alla presente comunicazione.
Fonte inps

2018-09-14T14:47:30+00:00 14/09/18|PATRONATO|